Albo amministratori di condominio e le associazioni | Estia

Albo Amministratori di Condominio e le Associazioni

Tempo di lettura: 5 minuti

Ad oggi, in Italia, non esiste un albo degli amministratori di condominio e neppure un’Ordine degli amministratori condominiali.

Cosa significa?

Che non esiste, di fatto, nessun obbligo d’iscrizione a un albo professionale per svolgere la professione: l’eventuale iscrizione all’Albo professionale amministratori di condominio rappresenterebbe un registro d’iscrizione a un elenco di professionisti in una specifica e determinata area geografica di residenza.

L’obbligo non esiste in quanto si tratta di una professione non regolamentata.

In un contesto di assoluta mancanza di regole certe ed anzi in alcuni casi confuse e contraddittorie, si è assistito pertanto al proliferare di associazioni di amministratori condominiali che hanno lo scopo di offrire formazione e quindi maggiore professionalità al singolo professionista e ai condòmini amministrati.

associazione amministratori condominio

L’associazione amministratori di condominio

Oggi la figura dell’Amministratore è più complessa di un tempo, per cui la sua preparazione deve comprendere varie materie, dal risparmio energetico, alla cura dei registri dell’anagrafe condominiale e i verbali delle assemblee, alla contabilità, alla fiscalità, ai vari bonus edilizi, alla normativa in materia di sicurezza, a quella sul GDPR, etc..

La legislazione carente e l’obbligo di adempiere a una formazione specifica per amministratori di condominio, rende necessaria la frequentazione di un corso amministratore di condominio apposito per la formazione.

Come fare e a chi rivolgersi, dunque, per formarsi adeguatamente e restare sempre aggiornati?

iscrizione associazioni di condominio

 

La maggior parte degli amministratori si rivolge proprio alle associazioni che organizzano percorsi formativi e di aggiornamento e alcune di loro rilasciano attestati che permettono l’acquisizione di certificazioni di qualità, nel rispetto della normativa nazionale ed europea.

Le associazioni di amministratori di condominio, quindi, sono divenute nel tempo un punto di riferimento per chi esercita la professione, colmando un vuoto legislativo.

Le associazioni riconosciute sono delle organizzazioni stabili a cui il nostro ordinamento giuridico in alcuni casi attribuisce personalità giuridica; in genere, si caratterizzano per il perseguimento di uno scopo non lucrativo e si occupano, nel dettaglio di:

  • riunire ed organizzare tutti coloro che esercitano a carattere continuativo e professionale l’attività di amministratore di beni immobili;
  • promuovere, favorire e coordinare tutte le iniziative inerenti la professione;
  • offrirsi in qualità di addetti ai lavori, come punto di riferimento sia del potere legislativo che di quello esecutivo; stabilire mediante propri rappresentanti, collegamenti con altre Associazioni di Amministratori Immobiliari; promuovere e/o partecipare alla gestione di organismi didattici anche a livello universitario;
  • curare in proprio o attraverso terzi, pubblicazioni anche periodiche o notiziari; di istituire speciali elenchi per giovani amministratori;
  • promuovere la costituzione di una cassa nazionale di previdenza per amministratori di immobili o concludere accordi con istituti già esistenti;
  • costituire un fondo di garanzia fidejussoria e stipulare copertura assicurativa per la responsabilità civile professionale degli amministratori;
  • promuovere corsi propedeutici di avviamento alla professione di amministratore condominiale ed immobiliare, oltre al continuo aggiornamento dei professionale propri associati, curare inoltre l’avviamento e la formazione dei dipendenti dei propri associati e dei condominii;
  • fornire agli associati assistenza in materia condominiale al fine di agevolare e migliorare qualitativamente l’esercizio della professione;

Dal punto di vista normativo queste associazioni trovano regolamentazione lella L. (rientrano nella famosa “legge non albo”) n.4/2013 che costituisce la normativa di riferimento per le professioni non organizzate in ordini; l’art. 71 bis delle DD.AA.C.C., (e) dispone i requisiti specifici che deve avere chi vuole esercitare la professione:

  • essere in possesso dei diritti civili e non deve mai aver ricevuto condanne per delitti contro la PA, interdizioni o inabilitazioni;
  • aver frequentato un corso di formazione specifico per amministratori di condominio;
  • essere in possesso di almeno di un diploma di scuola secondaria di secondo grado;
  • non essere sottoposto a misure di prevenzione poi diventate definitive;
  • effettuare con una certa periodicità formazione nell’ambito dell’amministrazione condominiale (aggiornamento amministratori di condominio);

L’iscrizione a un’associazione è obbligatoria?

iscrizione albo amministratori

No, si può esercitare la professione purché si rinnovi annualmente la formazione obbligatoria coì come previsto dal DM 140/2014. Tuttavia, l’appartenenza ad un’associazione rappresenta per l’amministratore non solo una possibilità formativa, ma anche l’ingresso in un network che gli consente di poter operare serenamente.

Aderire a una associazione: perché è utile

Oltre a garantire che gli associati rispettino degli standard di qualità a garanzia della corretta amministrazione degli immobili, mettere insieme una categoria di professionisti, è utile anche per avanzare istanze nelle sedi competenti a risolverle (Parlamento, enti pubblici, tavoli istituzionali, ecc).

Elenco Associazioni Amministratori di Condominio

Le principali associazioni di categoria che rilasciano l’attestato di qualità e di qualificazione professionale dei servizi prestati dai soci sono:

  • A.N.A.C.I.  Associazione Nazionale Amministratori Condominiali ed Immobiliari
  • A.N.AMM.I Associazione Nazionale Europea Amministratori d’Immobili
  • BMItalia Associazione Nazionale Amministratori Immobiliari & Building Manager
  • A.P.I.C.E. Associazione Professionisti in Campo Edilizio
  • UNAI – Unione Nazionale Amministratori d’Immobili
  • Confedilizia
  • ASS.I.A.C. Associazione Italiana Amministratori e Condomini
  • A.I.A.C. – Associazione Italiana Amministratori di Condominio
  • A.L.A.C. – Associazione Liberi Amministratori Condominiali
  • ACAP – Associazione Condominiale Amministratori e Proprietari
  • Valore aggiunto
  • A.N.A.P.I. – Associazione Nazionale Amministratori Professionisti d’Immobili
  • APAC – Associazione Professionale Amministratori di Condominio
  • A.R.A.I. – Associazione Amministratori Immobiliari
  • Lega Amministratori immobiliari Condominiali
  • ABICONF – Amministratori Beni Immobili Confcommercio Impresa per l’Italia
  • M.A.P.I. – Movimento Amministratori e Proprietari d’Immobili
  • Confamministrare
  • A.R.CO. – Associazione Revisori Contabili Condominiali
  • A.IM.A. – Amministratori Immobiliari Associati
  • CONF.A.I. – Confederazione Amministratori Immobiliari
  • A.L.A.C. – Associazione Liberi Amministratori Condominiali
  • A.N.A.I. – Associazione Nazionale Amministratori Immobili
  • A.N.A.P.I. – Associazione Nazionale Amministratori Professionisti d’Immobili
  • A.P. – Associazione Amministratori Professionisti
  • F.N.A. – Federazione Nazionale Amministratori Immobiliari
  • REVCOND – Revisori Condominiali Associati
  • SESAMO – Associazione Amministratori Condominiali

L’elenco completo delle associazioni esistenti è visibile sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico.

Estia SpA è un’associazione?

estia amministrazioni

Estia SpA non è una associazione, ma una squadra di professionisti che opera a livello nazionale ed è in grado di garantire una gestione a 360° dei condomini:

i nostri amministratori vengono affiancati da esperti tecnici, ingegneri e teams operativi per ogni funzione, dagli aspetti amministrativi agli aspetti legali, assicurativi e fiscali allo studio dei nuovi servizi per i nostri condomini.

Ogni condominio amministrato da Estia dispone di un “amministratore dedicato”, una sorta di assistente dell’amministratore Senior: entrambe le figure vengono formate nella nostra Academy, grazie alla quale offriamo la possibilità di conseguire gratuitamente la formazione specifica e obbligatoria per esercitare la professione di Amministratore di Condominio.

“Gli amministratori di condominio che hanno scelto di salire a bordo di Estia SpA sono anche membri di diverse associazioni: lasciamo totale libertà ai nostri amministratori affinché ognuno possa continuare il percorso iniziato.  Abbiamo un ottimo rapporto con molte associazioni.”

Afferma Giuliano Garesio, CEO di Estia SpA

Le associazioni degli amministratori di condominio svolgono un ruolo fondamentale per la professione: è solo  grazie a loro se finora i professionisti in attività hanno potuto godere di formazione e aggiornamento ad hoc, attivando corsi di sulle novità normative e diventando il punto di riferimento per moltissimi professionisti italiani.”



Tuttavia, in un contesto in cui i cambiamenti di tipo sociologico hanno generato uno stravolgimento sempre maggiore delle abitudini delle persone, la domiciliarità è divenuta un elemento sempre più centrale: ecco perché occorre fare squadra tra i players operanti nel settore per costruire alleanze volte a far fronte a questi cambiamenti e interloquire in modo univoco con il decisore politico, promuovendo un processo di rinnovamento in questo importante e strategico settore economico del Paese.

Sei un Amministratore e vuoi entrare nel Team di Estia?

Condividi
× Come possiamo aiutarti?