Come riconoscere le infiltrazioni d’acqua in condominio

Tempo di lettura: 2 minuti

Le infiltrazioni d’acqua, provenienti dal tetto, dai muri o dalle tubature, sono un problema frequente nei condomini. Per gli abitanti, è essenziale saper individuare tempestivamente i segni di queste infiltrazioni, al fine di intervenire prontamente e prevenire ulteriori danni all’edificio.

Le infiltrazioni possono derivare da:

  • Guasti alle tubature
  • Mancata impermeabilizzazione dei muri
  • Danni strutturali.

È fondamentale riconoscere nel proprio appartamento eventuali macchie di umidità, che spesso si manifestano come chiazze scure o giallastre, soprattutto se crescono nel tempo. La presenza di muffa e l’odore sgradevole che ne deriva sono altri chiari indicatori. Gocce d’acqua, segni sul soffitto o sui muri, e l’intonaco che si stacca a causa dell’umidità sono ulteriori segnali di allarme. Inoltre, anche deformazioni o crepe nelle pareti possono indicare problemi di infiltrazioni.

Come intervenire in caso di infiltrazioni in condominio

Di fronte a un sospetto di infiltrazione, specialmente se proveniente dall’appartamento sovrastante, è essenziale segnalare immediatamente la situazione all’amministratore di condominio. Dopo un accurato sopralluogo e una verifica, l’amministratore avvierà le procedure necessarie, potendo anche decidere di agire in maniera tempestiva, senza convocare un’assemblea.

Sarà poi compito di un professionista valutare l’entità del danno, identificare le cause e suggerire soluzioni adeguate. Una delle variabili che possono incidere in maniera determinante su questo aspetto è rappresentata dalla differenza tra infiltrazioni provenienti da muro contro terra e infiltrazioni causate da un danno (ad esempio nell’appartamento confinante).

Chi si fa carico dei danni da infiltrazioni

Se l’infiltrazione proviene da un appartamento vicino, le spese per la riparazione saranno suddivise tra tutti i condòmini, basandosi sui millesimi di proprietà. La Suprema Corte di Cassazione, con la sentenza n. 11288 del 10 maggio 2018, ha stabilito che i danni da infiltrazioni dai muri perimetrali sono a carico di tutti i condòmini, inclusi quelli del piano terra. Il muro perimetrale è considerato parte comune, pertanto le spese saranno divise secondo i millesimi.

Per prevenire infiltrazioni, è consigliabile effettuare controlli periodici dell’edificio, identificando e risolvendo tempestivamente eventuali problemi. L’amministrazione gioca un ruolo chiave in questa fase. Mantenere una corretta impermeabilizzazione delle superfici esterne è un altro passo cruciale nella prevenzione. Questo può includere l’applicazione di rivestimenti, la riparazione di fessure o la sostituzione di guarnizioni.

La prevenzione e la vigilanza sono essenziali per garantire la sicurezza e l’integrità del condominio.

Affidati a Estia Spa per la gestione del tuo Condominio

Richiedi senza impegno un

Condividi