Autorizzazione di condominio per lo spostamento del contatore del gas | ESTIA

Autorizzazione di condominio per lo spostamento del contatore del gas

Tempo di lettura: 3 minuti

I lavori di ristrutturazione dell’appartamento, la sostituzione del vecchio contatore o la messa a norma di tutti i contatori del condominio: sono tante le situazioni nelle quali può essere necessario lo spostamento del contatore del gas. 

Come accade per i contatori idrici condominiali, anche il luogo in cui spostare il contatore del gas deve essere accessibile per agevolare la lettura dei consumi, ma prima dei lavori bisogna avere un’autorizzazione di condominio dedicata. 

In questo articolo vedremo nel dettaglio quali autorizzazioni servono, a chi rivolgersi e come fare se un’autorizzazione viene negata. 

Autorizzazioni per il contatore del gas: quando e quali servono? 

Prima ancora di richiedere le autorizzazioni necessarie, si raccolgono le informazioni utili per contattare il fornitore, nel caso di contatore attivo, o il distributore, se il contatore è disattivato.

Quando il contatore è attivo

Puoi rivolgerti al tuo fornitore tramite servizi online, numero verde, email o sportelli fisici, specificando che il contatore del gas è attivo. Sarà poi compito del fornitore a inoltrare la richiesta di spostamento del contatore al distributore. 

Quando il contatore del gas non è attivo

Puoi rivolgerti alla società di distribuzione della tua zona: Italgas, 2i Rete Gas o Unareti, per fare alcuni esempi, specificando, tramite richiesta cartacea, lo spostamento del contatore del gas esistente e inattivo. 

In entrambi i casi, per la richiesta di spostamento del contatore serviranno questi dati

  • I tuoi personali come nome, cognome, codice fiscale, documento d’identità valido e numero di telefono che servirà per il sopralluogo 
  • Del contatore come matricola, dati della fornitura, indirizzo, codice PDR (è il codice che identifica la posizione fisica del contatore)
  • La nuova posizione del contatore del gas 

Come richiedere lo spostamento del contatore? A chi rivolgersi?

Dopo l’invio della richiesta, avverrà il sopralluogo di un tecnico per valutare la fattibilità dello spostamento per motivi di sicurezza (per legge non si può posizionare un contatore in bagni, camere da letto, sotto un lavandino o al di sopra dei fornelli), i costi del lavoro a tuo carico e le eventuali autorizzazioni

Infatti, se dovessi ricevere e accettare un preventivo da parte dell’ente ti troveresti di fronte a due possibilità per richiedere le autorizzazioni necessarie:

  1. se le tubature del gas passano solo nella tua proprietà, è sufficiente l’autorizzazione del tecnico in fase di sopralluogo, che consiste in una firma del tecnico su un apposito documento
  2. in alternativa ci si rivolge all’amministratore di condominio con una dichiarazione firmata quando i lavori coinvolgono anche le parti comuni condominiali. Se i lavori interessano anche i vicini, perché magari serve il passaggio sul loro balcone, serve ovviamente che diano un ulteriore assenso.

Cosa accade se non si ha l’autorizzazione per lo spostamento del contatore del gas?

Ipotizziamo che il tuo contatore non sia a norma e che debba essere sostituito e spostato dall’interno di una stanza all’esterno dell’appartamento, sul balcone. 

L’amministratore di condominio però si rifiuta di firmare l’autorizzazione al passaggio del tubo sulla facciata esterna dell’edificio, magari senza neanche aver convocato l’assemblea condominiale. 

È legale un simile atteggiamento? Servirsi delle parti comuni è un tuo diritto (come garantisce l‘art. 1102 del Codice Civile). Quindi l’amministratore ha solo il dovere di preservare e garantire l’estetica dell’edificio e non di impedire il passaggio di un tubo per lo spostamento del contatore del gas. 

Se invece l’amministratore ha delegato la decisione e la bocciatura della proposta ai consiglieri condominiali, questa decisione non ha alcun valore perché i consiglieri hanno solamente un ruolo di vigilanza delle regole condominiali e di cooperazione tra amministratore e condòmini.

Come risolvere queste spiacevoli situazioni? 

Ti consigliamo di scrivere una raccomandata all’amministratore condominiale con la richiesta di autorizzazione per i lavori di spostamento del contatore del gas. 

All’interno della raccomandata è consigliabile inserire anche un termine di scadenza (ad esempio entro tre o cinque giorni lavorativi).  

Se dopo una raccomandata l’amministratore dovesse continuare ad ignorare o rifiutare la tua richiesta, potresti rivolgerti ad un avvocato per chiedere il risarcimento dei danni per l’ingiustizia subita, ai quali aggiungere i costi delle procedure legali. 

Potrebbe interessarti anche: 

Cosa fare se l’amministratore non risponde al telefono 

Contatori idrici condominiali, tutto quello che devi sapere

Come staccarsi dal contatore acqua condominiale

Affidati ad Estia Spa per la gestione del tuo Condominio

Richiedi senza impegno un

Condividi
× Come possiamo aiutarti?